Cosa significa per un’azienda scegliere Food 360, il servizio di ristorazione aziendale che garantisce pasti sani ed equilibrati senza bisogno di un locale cucina?

Noi potremmo parlarne per ore ma stavolta abbiamo deciso di farlo raccontare a chi ha compiuto questa scelta, per garantire ai propri dipendenti un’altra pausa pranzo in ufficio, più comoda, flessibile e sana.

Food 360: una scelta (anche) di welfare

Andiamo dietro le quinte di Piattine e Profili Inox Srl, azienda nata nel 1979 come realtà familiare e che ora conta 50 dipendenti, la maggior parte dei quali altamente specializzati e organizzati su turni con orari diversi. 

Estremamente innovativa e da sempre attenta alla ricerca da un lato e al benessere dei propri lavoratoridall’altro, prima di scegliere Food 360 l’azienda non aveva una mensa: “I dipendenti si organizzavano con i ticket restaurant oppure portando il pasto da casa – spiega Chiara Cormanni, responsabile dello sviluppo del business di Piattine e Profili Inox -. Abbiamo scelto Food 360 come servizio di ristorazione aziendale proprio perché volevamo aumentare il livello di welfare per i nostri dipendenti”. 

Uno spazio di condivisione

Pasti sani, equilibrati, cucinati con tecniche di cottura leggere e all’avanguardia e tenendo conto della stagionalità: Food 360 è tutto questo ma anche qualcosa in più. 

Nonostante la mancanza di una mensa, grazie alle ridotte dimensioni di Food 360 “siamo riusciti a dare un ottimo servizio ai nostri dipendenti, sfruttando al massimo lo spazio a disposizione e rendendolo un ambiente accogliente e piacevole per la pausa pranzo, un luogo di condivisione e socialità”. 

Sicuro, semplice e flessibile

Piattine e Profili Inox ha introdotto Food 360 a giugno 2020, nonostante la decisione fosse precedente allo scoppio della pandemia sanitaria: “La contingenza ha ulteriormente confermato la nostra scelta, infatti poco tempo dopo è partita anche la nostra controllata ITC”.

I vantaggi per l’azienda? “È un servizio sicuro, perché tutti i pasti sono preparati in atmosfera protettiva e sigillati per garantire l’integrità del contenuto, su ogni etichetta sono riportati il tempo necessario per scaldarlo, l’elenco degli ingredienti e le calorie, informazioni aggiuntive che piacciono molto ai nostri dipendenti”. E poi è un servizio studiato in ottica antispreco: “Chi non mangia tutto quel che ha ordinato può tranquillamente portarlo a casa e decidere di consumarlo la sera o il giorno dopo”.

Dai ticket…ai locker

Il passaggio da un servizio di ristorazione all’altro non è mai semplice: i dipendenti di Piattine e Profili erano abituati ai ticket e “l’idea di avere dei frigoriferi con il cibo all’interno suonava strano”. 

Il cambiamento ci ha messo poco per essere metabolizzato e apprezzato: “Ora i nostri dipendenti sono molto contenti, in prima battuta perché il cibo è buono, poi perché c’è uno spazio di condivisione e infine per la flessibilità che possiamo garantire a 360°”. Il lavoro in azienda è organizzato su turni e con Food 360 ognuno “può venire a mangiare quando è più comodo, in base ai propri orari oppure se ha una riunione in ufficio”. E se qualcosa avanza…può essere portato a casa!

Il menù iColti in Tavola

Dallo scorso dicembre, nei locker di Food 360 ci sono i piatti della linea iColti in Tavola, che garantisce la possibilità di scegliere tra tantissime ricette gustose ed equilibrate. “Il feedback è stato da subito positivo, anche perché potendo ordinare fino a 15 giorni prima, possiamo organizzare un vero e proprio piano alimentare basato su calorie e assortimento”. 

Il tutto con una grande attenzione per chi segue regimi alimentari diversi: “Abbiamo diversi dipendenti conintolleranze, vegetariani, vegani: con 400 ricette all’anno de iColti in Tavola, riusciamo a gestire anche le esigenze particolari di tutti”.

Blog
Condividi