Delicati e con un sapore immediatamente riconoscibile, gli asparagi sono tra le verdure primaverili più apprezzate. Merito del loro gusto e dell’estrema versatilità in cucina, che li rende adatti a moltissimi piatti: dal classico risotto, che trovi nel menù de iColti in Tavola, alla frittata, dalla pasta alle insalate. 

Asparagi da filiera controllata

Come molte delle verdure che usiamo per preparare i nostri piatti nel centro cottura di Zola Predosa, anche gli asparagi provengono dai campi di Orogel

Sono prodotti esclusivamente in Italia da filiera controllata, con pezzatura uniforme di grosso calibro, fibrosità scarsa, brattee aderenti alla punta. E hanno ottime caratteristiche organolettiche. Non solo: vengono tagliati fuori terra e coltivati in un terreno di medio impasto in aree a clima mite.

Il risultato? Asparagi teneri e gustosi, che mantengono un sapore unico dal campo fino al piatto. 

IlMarket

Le proprietà nutrizionali

Gli asparagi sono un vero e proprio concentrato di nutrienti essenziali. Rappresentano infatti una ricca fonte di vitamine A, C, E, K e diverse vitamine del gruppo B, incluso l’acido folico, fondamentale per la sintesi del DNA e la crescita cellulare. Inoltre, contengono minerali come ferro, calcio, magnesio e zinco, che sono cruciali per la salute ossea, il funzionamento del sistema immunitario e la regolazione della pressione sanguigna.

Un altro punto di forza è il loro contenuto di antiossidanti, tra cui i flavonoidi e i polifenoli, utili per combattere i radicali liberi e prevenire l’invecchiamento cellulare. Sono anche noti per le loro proprietà diuretiche, grazie alla presenza di asparagina, un aminoacido che stimola la produzione di urina e contribuisce alla disintossicazione dell’organismo.

Infine, con un basso contenuto calorico e un alto contenuto di fibre, favoriscono la digestione e il controllo del peso, rendendoli adatto a qualsiasi dieta equilibrata.

Tipi di asparagi

Esistono diverse varietà di asparagi, ognuna con caratteristiche uniche sia dal punto di vista del gusto che dell’aspetto. Le tre principali categorie sono:

  1. Asparagi verdi: i più comuni e facilmente reperibili. Il loro colore verde brillante è dovuto alla fotosintesi perché sono coltivati all’aria aperta. Hanno un sapore deciso e leggermente erbaceo.
  2. Asparagi bianchi: sono coltivati sotto terra o coperti di terra per impedire la fotosintesi, il che previene la formazione della clorofilla. Questo metodo di coltivazione conferisce agli asparagi bianchi un sapore più delicato e dolce rispetto a quelli verdi. Sono molto apprezzati in cucina per la loro consistenza tenera.
  3. Asparagi viola: meno comuni, sono apprezzati per il loro sapore dolce e fruttato. Il colore viola è dovuto alla presenza di antociani, potenti antiossidanti che conferiscono anche proprietà anti-infiammatorie. In cottura, questi asparagi tendono a perdere parte del loro colore, diventando più simili agli asparagi verdi.

Oltre a queste varietà principali, esistono anche gli asparagi selvatici, spesso più sottili e dal sapore più intenso, e altre varietà locali che arricchiscono la biodiversità culinaria.

Blog
Condividi